Alfredo Bini

Land Grabbing or Land to Investors?

Conferenza fotografica di Alfredo Bini nell’ambito del “Mese della fotografia” 

Il 6 novembre 2015 alle ore 18.00, presso il Centro Culturale “Claudio Trevi” di via Cappuccini 28 a Bolzano, il Circolo fotografico “Tina Modotti” presenta la conferenza fotografica del fotoreporter/regista Alfredo Bini, intitolata – Land Grabbing or Land to Investors?

Con la documentazione di ripetuti viaggi in Arabia Saudita, Etiopia e Emirati Arabi, Alfredo Bini spiega il fenomeno che sta devastando milioni di ettari di terra in Africa e non solo.  

Land grabbing significa terra carpita, accaparrata, e riguarda gli accordi per l’affitto di milioni di ettari di terreno che le multinazionali dell’agribusiness negoziano con i governi dei paesi in via di sviluppo, operazione che non mira certo a “nutrire il pianeta” ma ad arricchire le multinazionali e ad avvantaggiare i paesi ricchi.

EthiopiaIl land grabbing è una versione contemporanea del neocolonialismo, che priva della loro terra i pastori e i piccoli coltivatori locali, e come se non bastasse comporta l’abbattimento di foreste, l’erosione del suolo, l’accaparramento dell’acqua e la perdita della biodiversità.

La ricerca di Alfredo Bini documenta tale complessa e problematica realtà con un’indagine approfondita e lucida e punta il dito contro il fenomeno del Land Grabbing, sottolineando che la monocoltura toglie la terra alle popolazioni e non può essere certo considerata sviluppo perché non porta i paesi all’autosufficienza ma li orienta verso l’esportazione mettendo a rischio la loro sicurezza alimentare.

Venerdì 6 novembre, ore 18.00 

Alfredo Bini:  Land Grabbing or Land to Investors?

Ricerca sul moderno neocolonialismo delle multinazionali agroalimentari.

Centro Culturale “Claudio Trevi”

via Cappuccini 28, Bolzano

Alfredo Bini, fotogiornalista e regista freelance, pubblica sui maggiori media internazionali e le sue opere vengono presentate in musei, gallerie, università, conferenze e programmi televisivi. Predilige concentrarsi su reportage che affrontino situazioni che ritiene sbilanciate, cioè dove alcuni diritti per noi scontati non sono rispettati o presi in considerazione.

“Transmigrations”, il suo progetto sul viaggio dei migranti attraverso il Sahara è stato pubblicato su “African and Black Diaspora” per la DePaul University di Chicago, e per l’Harvard University su “New Geographies Journal”. 

Ha vinto premi ed è stato presentato in festival e mostre personali in tutto il mondo.

“Libyan  Uprising” è un reportage sul primo mese della rivoluzione libica del 17 febbraio che include le prime immagini al mondo pubblicate dalla stampa internazionale sull’assedio di Misrata.

È stato proiettato al New York Photo Festival 2011 e all’Auckland Festival of Photography 2012.

“Land Grabbing or Land Investors?” è stato presentato al 24° Visa Pour l’Image di Perpignan, al 12° China Pingyao International Photography Festival  e al 3° Brooklyn Photoville Festival. E’ stato recentemente prodotto un video do- cumentario proiettato in festival, mostre e incontri internazionali.

Alfredo lavora su progetti editoriali, corporate e pubblicitari. Il suo lavoro  è rappresentato dall’agenzia francese Cosmos. Vive tra l’Italia e gli Stati Uniti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.